Stampa
Categoria: ..."dalla tribuna"
Visite: 2041

FullSizeRender

INIZIO Fehervar

FullSizeRender (Riccardo Giuriato) Per dire se la crisi è passata bisognerà attendere altre partite,

di certo c'è che il Bolzano ha ritrovato cuore e grinta e cinismo, gli elementi che sembravano essere venuti meno nelle ultime 3 partite.

Certo, qualche meccanismo ancora non gira a dovere, qualche giocatore non ha ancora capito cosa vuol dire giocare con la nostra maglia, ma nel complesso i ragazzi hanno molto ben figurato; se poi paragoniamo la prestazione odierna a quella del retour-match contro il Graz, allora possiamo dire che a Fehevar la squadra ha fatto passi da gigante.

Analizziamo i vari reparti, senza fare nomi:

PORTIERE: Marcel Melichercik santo subito! Ennesima partita con ottime percentuali di parate per il nostro portierone titolare; viene battuto 2 volte con gli avversari in PP, ma la sua pinzata sulla conclusione di Sarpatki vale quanto un gol segnato; per il resto il solito muro che limita anche i rebounds concessi;

DIFESA: comincia male la partita; almeno un paio di elementi si “dimenticano” di scendere sul ghiaccio e davanti a “San” Marcel si materializzano i fantasmi che il “muro” però respinge. Nel corso del match però, i terzini si riprendono e per l'attacco ungherese non c'è più nulla da fare.

ATTACCO: manca ancora la cattiveria necessaria sotto porta ed in contropiede (incredibile quello non sfruttato a fine primo tempo), però questa volta fanno 4 gol, di cui ben 2 (!!!) in PP (!!!) oltre a aumentare il tasso di pericolosità.

Certo, ancora non tutto gira al meglio, prendiamo troppe penalità sciocche, soffriamo da matti in uscita di zona, alcuni giocatori hanno dei passaggi a vuoto terrificanti, ma almeno questa sera si è rivisto un HCB aggressivo e reattivo, il bel gioco, si spera, arriverà... Nel frattempo dobbiamo “mettere fieno in cascina” e cercare di battere anche Lubiana, squadra ostica pur se ultima in classifica, ma dobbiamo concludere la “campagna orientale” con un altro successo che ci dia la fiducia necessaria per affrontare le partite della prossima settimana: Linz alla KSA venerdì sera e Vienna al Palaonda domenica pomeriggio; certo non sarebbe male se anche la dea bendata cominciasse a guardarci con “occhio benevolo”!