Stampa
Categoria: Biancorossi on the road
Visite: 2297

Maginifici4 INIZIO(Fulvio Cobaldi)

 

Venerdì 21 ottobre ore 7,30 circa… io Otti e Riky passiamo a prendere l'ultimo elemento del gruppo ovvero Gigi.

 Tappa caffè e prelievo Bancomat e si entra in autostrada. Il tempo è buono e l'umore e a mille anche perché con Gigi le cazzate piovono a raffica. Decidiamo di fare la strada bassa ovvero Bolzano-Lienz-Graz-Maribor e Ungheria. Facciamo subito una cassa comune che servirà per affrontare tutte le spese del viaggio ( gasolio, vignetta, autostrada, ecc..).

Il viaggio per quanto sia lungo (770 km ) vola e verso le 18 circa arrivano in Hotel a Székesfehérvár. Prendiamo possesso delle stanze e via subito nell'area wellness con annessa sfilata in sala da pranzo in accalappiato di Gigi e Riky che hanno sbagliato corridoio da prendere. Dopo un paio di ore di cavolate e tuffi ci cambiamo e laviamo e via a cena. Cervo, cinghiale, cappone e chi più ne ha più ne metta...morale 25 euro a testa...un sogno. Andiamo a dormire per esser carichi per il game day.

Mattina con ricca colazione e via allo stadio a vedere il pregame e a salutare i ragazzi. Lo stadio sembra un capannone delle acciaierie ma si respira aria di hockey ed è comunque un atmosfera di altri tempi.

 


Per pranzo andiamo a vedere il Lago Balaton che veramente ci fa ammirare tutta la sua bellezza. Purtroppo però tutti i ristoranti sono chiusi essendo ormai chiusa la stagione così a malincuore si sacrifichiamo e ritorniamo a mangiare a Székesfehérvár la "solita " selvaggina....orgasmo puro.

Ci siamo...si va a vedere il Bolzano. Prendiamo possesso dei biglietti e ci rechiamo nella vip area mangiamo, beviamo e ci godiamo al meglio la vittoria dei nostri ragazzi assieme alle mogli dei giocatori del  Székesfehérvár. Giretto in città ( ne vale veramente la pena ) e via a nanna che domani ci toccano altri 400 km alla volta di Lubjana.

Sveglia.. colazione.. .autostrada... c'è mancato poco dovessimo spingere la macchina perché volevamo a tutti i costi arrivare in Slovenia a fare il pieno perché il gasolio costa meno. Durante la strada ci fermiamo in un posto che già conoscevo a fare la spesa di krapfen ottimi e grandi come la testa di Otti.

Arrivati a Lubjana sistemazione in hotel ( grande delusione per il ristorante chiuso che conoscevo già e famoso per le grigliate ) e giretto in centro con pranzo in un ristorante dove avevo già mangiato gestito da ragazzi con sindrome di down ( cucina ottima e 10 euro a testa ). Con la pancia piena si va allo stadio...ci mettiamo vicini a marito e moglie della sezione Villach ma per il resto spettacolo indecoroso per una Ebel con forse 500 persone in tutto ma per i nostri ragazzi altri 3 punti in saccoccia ...direi ottimo. Siamo abbastanza cotti e ritorniamo in hotel prestabilendo già la partenza al mattino verso le ore 8. Così accade e alle 8 buttiamo giù dal letto Gigi e Riky e si torna a casa. Si parla molto di Hockey e di Metropolit, con una tappa per caffè e krapfen si arriva a Bolzano verso le 13. Ci salutiamo e ognuno torna alle proprie case, contenti, ingrassati e davvero soddisfatti per una super trasferta.