Intervista Andrew web inizio(Di Andrea Giovanazzi) In questo ultimo weekend la truppa biancorossa è stata in trasferta per due partite del campionato EBEL a Vienna e Znojmo (Rep. Ceca) rimediando una sconfitta e una vittoria ai tiri di rigore.

Ad assistere a bordo pista, con la macchina fotografica pronta ad immortalare ogni gesta dei nostri campioni, c'era anche il fotografo di HCBfans Andrew Klotz.

In questo breve articolo vorremmo conoscere un po' meglio Andrew e le sue emozioni/impressioni della trasferta di questo fine settimana.

HCBFans: Ciao Andrew, come è sbocciato l'amore per la fotografia?

Andrew: Ho sempre avuto il pallino della fotografia, ma la vera passione e' nata 3 anni fa , quando ho avuto la fortuna di conoscere Luigi un signore anziano, che con i suoi racconti e  le sue conoscenze mi ha incantato dandomi il coraggio di mettermi in gioco in questo splendido mondo fatto di obbiettivi, attese, intuizioni.

H: E per i colori biancorossi?

A: Una fede mai tramontata. Mi hanno portato allo stadio da giovanissimo, da lì sono nate amicizie e l'amore di tifare il Bolzano.

H: Ti ricordi la prima partita a cui hai assistito dalle tribune come semplice tifoso?

A: Non mi ricordo bene… avevo 13-14 anni - a quei tempi c'era Vostrikov 

H: E la prima da fotografo?

A:L' anno scorso contro HC Bolzano vs Fehervar AV19 in casa.

H: Com'è fotografare l'hockey su ghiaccio?

A: Fotografare l'hockey non e facile perché il gioco e' molto veloce, bisogna riuscire ad anticipare l'azione, non sempre si riesce! Questa è un' abilità che richiede  molta concentrazione e pazienza. Io preferisco fissare con la mia Canon tutte quelle situazioni che esprimono velocità, grinta, fatica e ovviamente anche i gol.  

H: Era la prima volta che fotografavi i biancorossi in trasferta?

A: Lo scorso anno sono andato a Linz , che figata pass e pettorina con la scritta PRESS!

Quella volta abbiamo pure vinto! 

H: Che differenze hai trovato tra fotografare al Palaonda e in trasferta?

A: In ambito tecnico poche differenze, anche se a Vienna le luci dello stadio hanno richiesto una maggiore attenzione. In trasferta sono più spensierato, ho la mente libera e questo mi permette una maggiore concentrazione in quello che faccio.

H: Come ti sei organizzato per questa trasferta?

A: La trasferta è stata organizzata splendidamente dai miei amici tifosi che ringrazio e quindi come sempre, ho preparato lo zaino e via!

H: Come sei riuscito a ottenere un pass fotografico a Vienna e Znojmo?

A: Segreto professionale :-)

H: La differente atmosfera (tifosi, accoglienza ecc..) tra il Palaonda e le altre Arene della Ebel?

A: Le altre arene rispetto alla nostra sono più piccole allora lo stadio è sempre pieno. Ma la atmosfera è sempre la stessa, l'aria è di festa e nessuna tensione tra tifosi. 

H: La foto più bella che hai realizzato in questo weekend? Perché?

A: La foto più bella a parere mio questa (quella che trovate sopra questo articolo) esprime azione, fatica, concentrazione.. 

H: Una cosa particolare che ti è capitata in questo weekend ( che naturalmente si può raccontare)?

A: In Repubblica Ceca durante una visita guidata in un bunker della guerra fredda, ho avuto l'occasione di sparare con un AK47 . Cosa che credo non capiti più . 

H:Passando al lato sportivo: Come ti è sembrata la nostra squadra in questo weekend?

A: Non sono un tecnico ma li ho visti bene, sono in crescita hanno solo bisogno di giocare.

H: Grazie Andrew!

A: Grazie a voi !!!